recensione

Recensione: “Viaggio di nozze… Senza nozze” di Serena Greco

Titolo: VIAGGIO DI NOZZE… SENZA NOZZE

Autore: SERENA GRECO

Casa Editrice: ALBATROS IL FILO

Genere: ROMANZO ROSA

Pagine: 228

Data di pubblicazione: 5 MAGGIO 2020

Formati disponibili: Ebook €6.64 \ Cartaceo €13.20

Trama

“Si sposarono e vissero per sempre felici e contenti”.
Quasi tutte le favole d’amore finiscono con un bacio e la scritta “The End”, tranne quella di Andrea e Gaia…
Dopo undici anni di fidanzamento, il giorno del loro matrimonio lui fugge senza dare spiegazioni e per di più, dopo aver saputo della partenza imminente per il viaggio di nozze di quella che per lui rimane “la fidanzata”, decide di partire con la scusa che ormai è tutto pagato e non rimborsabile.
Tra liti e baci rubati, parole e sguardi colpevoli, può rinascere una storia d’amore nata per gioco e finita per paura? Riusciranno la stretta e continua vicinanza, un gruppo di sposini affiatati e la bellezza di un’isola esotica a ricucire quel rapporto apparentemente perfetto?
Percorso raccontato da entrambi i personaggi, con un finale a sorpresa.
Tanti piccoli flash riguardanti il vissuto dei protagonisti e la loro storia d’amore aiuteranno il lettore a conoscere meglio i personaggi e a capire le loro scelte.

Recensione

Cari lettori, ben tornati.
Oggi vi parlo della storia di Andrea e Gaia.

Gaia e Andrea si conoscono da sempre. Dopo essersi persi e poi ritrovati da adolescenti, non si sono mai più lasciati. Sono fidanzati da undici anni quando decidono di sposarsi.
Tutto fila liscio, ma al momento dell’entrata in chiesa, lo sposo non si presenta, lasciando tutti con un messaggio di scuse, dicendo di non essere pronto.

"Ci sono parole, scene, situazioni, espressioni, emozioni che non possono essere cancellate, indelebili sulla pelle, registrate in un sistema inaccessibili per la modifica."

Gaia, incoraggiata dalla madre e la sorella, decide di partire per il viaggio di nozze, per distrarsi un po’.
Appena Andrea viene a saperlo, però, decide di partire anche lui. Perché, anche se ha mandato a monte la cosa più bella della sua vita, l’amore che prova per Gaia è immenso.

"Nessun anello potrebbe mai essere all'altezza di questo 'reperto archeologico' con inciso il tuo ricordo. Tutto quello di cui ho bisogno è qui al mio fianco."

Il viaggio non sarà tutto rose e fiori. Il dolore che Gaia prova nello stare accanto alla persona che ancora ama, ma che ha distrutto i suoi sogni, è davvero forte. Mentre Andrea cercherà di recuperare il loro rapporto.

"«Ti odio, Andrea Veltieri»
«Eh, ma io ti amo, Gaia Mastratti. Come si fa?»"

Tra le bellezze di un’isola esotica, i ricordi del passato e un gruppo di amici un po’ strani, Andrea e Gaia andranno alla scoperta di loro stessi e imparando a conoscersi di nuovo.
Perché puoi passare un vita intera con una persona, eppure non averla mai conosciuta.

Il Mio Pensiero

Per descrivere questo libro, parto dal dirvi che mi sono innamorata della prefazione, dove viene “spiegato” cos’è un libro: è un amico, l’unico che ci aspetterà sempre, l’unico che capirà i nostri sfoghi, l’unico che saprà apprezzare i nostri sentimenti, l’unico sempre presente, l’unico che accoglierà le nostre lacrime.. L’unico che ci farà vivere storie infinite e ci farà indossare infiniti costumi.
La verità è che ci ritroviamo nei libri, nei loro personaggi e nelle loro storie. E non ne faremo mai a meno.

Detto ciò, passiamo alla storia.
Andrea e Gaia sono due ragazzi che hanno trascorso metà vita insieme. Ma quando arriva il momento di coronare la loro storia d’amore davanti i loro familiari, Andrea si tira in dietro.
Entrambi partiranno per il viaggio di nozze, con la scusa “tanto è già pagato”. I ricordi riaffioreranno e il dolore sarà immenso. Ma l’amore? Quello non mancherà di certo!
I protagonisti mi sono piaciuti molto: Gaia è dolce e romantica, anche se ogni tanto sclera, ma la possiamo capire!
E Andrea… devo essere sincera, non sono riuscita ad arrabbiarmi con lui nemmeno per un attimo, perché i suoi motivi erano davvero validi. Per carità, ha sbagliato di gran lunga a non parlarne con la futura sposa, ma d’altronde lei era così presa dai preparativi per il matrimonio da sembrare un fantasma.
Durante il viaggio, verranno affiancati da un gruppetto di coppie niente male, che per quanto possano sembrare strani, saranno molto importanti per loro.

Io credo che, nella vita, bisogna sapere ascoltare, anche nel silenzio. Ci sono silenzi che urlano dolore e silenzi calmi e pieni d’amore. Ma se non sai capire entrambi, non puoi capire una persona. Dovresti essere in grado di dare le giuste attenzioni, di dare tempo alla persona che ami, per coltivare l’amore. Non importa se ti conosci da una vita o da un giorno, le persone cambiano, crescono. Per questo devi saper ascoltare, per percepire i piccoli cambiamenti di chi ami.

La storia mi è piaciuta davvero tanto, dolce, profonda e molto divertente. Serena è riuscita a trasmettere tante emozioni, dalla tristezza all’amore che lega i protagonisti.
Non è mai stato scontato, mi ha stupito con le sue parole e non volevo lasciarlo andare.
Ho letteralmente adorato i monologhi con le loro coscienze, perché la sottoscritta è pazza esattamente come loro, e si, parlo anch’io da sola dandomi delle risposte! Devo solo darle una personalità!
La lettura è scorrevole e io l’ho letto in una notte. Il pov è alternato e oramai sapete che per me è la scelta migliore, perché non lascia mai nulla in sospeso.

Ringrazio l’autrice, Serena Greco, per avermi fatto fare questo meraviglioso viaggio insieme ai suoi protagonisti. Li porterò per sempre con me.


Noi ci vediamo presto con una nuova recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Una vita per una vita” di Viviana Leo, edito Darcy Edizioni

Titolo: UNA VITA PER UNA VITA

Autore: VIVIANA LEO

Casa Editrice: DARCY EDIZIONI

Genere: CONTEMPORARY ROMANCE

Data d’uscita: 5 SETTEMBRE 2020

Pagine: 292

Costo: 2.99 € in ebook – 16 € in cartaceo
disponibile su KU

Trama

Rebecca è bellissima, ricca e abituata a comandare. Dirige un’importante attività e ha una concorrenza spietata che la vorrebbe morta.

Garret è un detenuto condannato con l’accusa di omicidio.

Cos’hanno in comune? Niente, se non fosse che Rebecca lo sceglie come guardia del corpo personale e lo mette davanti a un bivio: accettare il lavoro e vivere nella sua casa, al suo servizio, o restare in cella a scontare il resto della pena. La decisione da prendere sembra facile, se non fosse che Rebecca è una donna completamente diversa da quelle che ha conosciuto Garret fino a quel momento. È fuoco vivo e lui, di fuoco, se ne intende perché si è già scottata una volta e non ha intenzione di ricadere negli stessi sbagli. Ma la scelta è una sola, semplice e chiara: una vita per una vita.

Morire in carcere o morire per lei.

Recensione

Eccoci ritrovati readers, per scoprire la storia di oggi.
Andiamo a conoscere Rebecca e Garret e la loro storia.

"«A giocare con il fuoco ci si può bruciare.»
«Non se il fuoco sono io.»"

Rebecca è una donna come poche nella vita, bella da morire e ricca da far schifo, abituata a comandare e a tenere gente sotto il suo domino. È a capo di un’azienda che produce slot machine e, in questi casi, tra concorrenza e “vittime” del gioco, molte persone la vogliono morta.
Per questo ha bisogno di una nuova guardia del corpo. E lei sceglie Garret.

"Non era roba mia. Non era fatta per me. Non era il mio tipo. Non era merce in vendita che io avrei mai potuto acquistare. Paragonandola alle auto, Rebecca era una Ferrari rossa lucida e fiammante, mentre io avrei potuto permettermi al massimo una Station Wagon usata e ammaccata."

Garret è un detenuto, arrestato per omicidio. Ha scontato metà della sua pena e adesso gli si presenta l’opportunità di lavorare per un anno come guardia del corpo di Rebecca e poi essere libero, o farsi altri dodici anni di carcere.
La scelta è facile.
Se non fosse che Rebecca è una delle donne più impossibili che lui abbia mai visto. Così potente, così bella, eppure non lo ha mai trattato con superiorità.

"Cazzo io avevo bisogno di una donna come lei. Una donna che mi tenesse testa e che mi sfidasse ogni giorno, per poi sfogarci tra le lenzuola e fare del buon sesso riparatore."

Lavorare a stretto contatto con quel corpo da favola a portata di mano, non rende facili le cose, e Garret ha una voglia di averla che brucia in lui.
Ma non hanno nulla in comune, le tipe come lei non andrebbero mai in giro con uno che non riesce a mettersi nemmeno uno stupido completo, e con una fedina penale così sporca.

Sarà disposto, senza esitare, a dare una vita per una vita?

Il Mio Pensiero

Da dove comincio? Dai complimenti? No, parto dalla storia.
Una storia incredibile, meravigliosa, travagliata, passionale e potrei andare avanti per ore.
Due protagonisti belli e dannati: Rebecca, straordinariamente bella forte, potente eppure nasconde delle fragilità e delle insicurezze; Garret, con un passato difficile da dimenticare e da superare, che lo ha portato su una strada altrettanto difficile, per poi essere visto solo come un detenuto. Perché a volte ci trasformiamo in base alle circostanze, anche solo per sopravvivere.
Entrambi avranno un cambiamento non indifferente. Rebecca comincerà a mostrare le sue paure e le sue mancanze, mentre Garret si esporrà, cambierà il suo modo di vedere la vita e le persone.
Mi sono trovata a volere molte volte la forza che dimostra lei nei momenti più terribili, ad affrontare le situazioni come ci è riuscita lei. E vorrei avere la capacità di lui, nel mettersi in gioco dopo che la vita è stata crudele, senza arrendersi davanti a nulla, anche quando ogni luce sembra spenta.

Ho apprezzato incredibilmente il fatto che Rebecca non ha mai trattato Garret come un essere inferiore. Di solito, succede che chi ha il potere non guardi altro che esso, invece lei riesce a dare il giusto valore alle persone, senza trattarli mai con maleducazione. Riesce a guardare oltre tutto, oltre le apparenze.

Volevo aggiungere un piccolo particolare. Verso la fine l’autrice ha inserito un tocco irreale, che a me ha fatto davvero piacere. È stata una cosa meravigliosa, che ha permesso al protagonista di guadagnare una pace interiore. Oserei dire che era quasi necessario, perché in fondo, tutti noi vorremmo chiudere i conti in sospeso con il nostro passato, specialmente quando non possiamo più.

La scrittura è corretta, il romanzo si legge in maniera veloce e crea dipendenza fino all’ultima riga. Il pov alternato permette, come sempre, di capire i pensieri di entrambi e, non smetterò mai di dirlo, questa è una cosa che a me fa apprezzare tantissimo tutti e due i protagonisti.
L’autrice ha saputo dare la magia giusta a questa storia, che non è scontata e non annoia nemmeno per un attimo.

Ringrazio infinitamente la Darcy Edizioni per avermi omaggiata con la copia del romanzo e avermi permesso di leggere questa meravigliosa storia. E ringrazio anche l’autrice per avermi fatta sognare, emozionare e innamorare con i suoi personaggi.


Alla prossima recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Il mio sbaglio migliore sei tu” di Irene Pistolato

Titolo: IL MIO SBAGLIO MIGLIORE SEI TU

Autore: IRENE PISTOLATO

Casa Editrice: SELF PUBLISHING

Genere: CONTEMPORARY ROMANCE

Data di pubblicazione: 22 LUGLIO 2020

Pagine: 250 circa

Prezzo: 0,99€ e-book, 9,50€ cartaceo

Trama

Può una telefonata al numero sbagliato cambiare la tua vita? Martina se lo chiede da quando ha risposto a quel numero sconosciuto. Dopo un’iniziale riluttanza a parlare con quel Riccardo che si trova dall’altra parte della linea, decide di dargli una possibilità. Imparano a conoscersi prima tramite messaggi giornalieri e poi scambiandosi lunghe telefonate. Con il tempo Martina si infatua di lui, nonostante non si siano mai visti. Rimane colpita dalla sua dolcezza e gentilezza, parlare con lui diventa un bisogno vitale. Anche un cliente della cartoleria della sua famiglia, che gestisce con la sorella, sembra interessato a lei e questo la confonde. Non comprende cosa prova davvero per Riccardo e le attenzioni del bel cliente sono più che piacevoli. Quando Riccardo le chiede di incontrarsi, Martina tentenna, ha paura di rovinare ciò che di bello si è creato tra loro. E se fosse solo l’inizio di qualcosa di incredibile? A volte è il destino a decidere per noi.


Spin off ambientato due anni dopo:
E se non sapessi amare?

Recensione

E se sbagliare potrebbe portarti a fare la cosa più giusta della tua vita?
Questo è ciò che succede a Martina, una dolce ragazza di trent’anni, che gestisce una cartoleria con sua sorella Elisabetta.

"«Se fossi qui, ti abbraccerei.» Tutta questa sincerità e dolcezza mi fa straparlare. Devo per forza dare un taglio a questa conversazione prima di sparare qualche cavolata di cui poi potrei pentirmi.
«E io ti stringerei forte a me.»"

Una sera Martina si ritrova a rispondere ad una telefonata da un numero sconosciuto, che appartiene ad un certo Riccardo. All’inizio Martina è restia a dare confidenza ad un estraneo, ma la sua voce ha qualcosa di calmante e magico su di lei, che la porta ad affezionarsi.

" *Sbagliare numero quella sera è stata una benedizione, lo sbaglio migliore di tutta la vita.*
Mi ritrovo a sorridere come una scema mentre leggo e rileggo quel messaggio. Decido poi di dire la mia, mi tremano persino le dita mentre digito quelle parole.
*Rispondere quella sera è stato lo sbaglio migliore di sempre.* "

I due cominciano a scambiarsi messaggi e chiamate che durano ore, per raccontarsi le loro giornate.
Contemporaneamente, nel negozio di Martina, fa il suo ingresso un ragazzo bellissimo, con degli occhi scuri striati di un verde che ipnotizza.
Lei ne resta incantata e non riesce ad evitare le sue attenzioni, fino ad un uscita insieme e un bacio che fa infuocare tutto.

Il problema è che Martina, a questo punto, è davvero confusa: prova qualcosa per Riccardo, quella voce senza volto che la rassicura sempre, ma anche per il cliente sconosciuto, che le fa immaginare scene poco pure!

"Chiudo gli occhi e i suoi mi appaiono in tutto il loro splendore. Vorrei essere con lui in questo momento, tra le sue braccia e gli toglierei il respiro con un bacio."

Ma allora? Come poter fare una scelta così difficile?
A complicare le cose ci penserà poi Manuel e i suoi occhi verde smeraldo!

Il Mio Pensiero

Quanto è difficile riuscire a trovare la persona giusta?
Martina è la classica dolce ragazza, sempre pronta ad aiutare sua sorella e i suoi amici. Ma per quanto riguarda l’amore, purtroppo non è mai stata fortunata. Fino a quando non riceve quella telefonata.
È strano, non è da lei dare confidenza ad uno sconosciuto, eppure quel Riccardo ha la voce più bella del mondo, sensuale, capace di rassicurarla e farla sentire bene. Le loro telefonate sono sempre più intime e sono sempre più in confidenza.
Nello stesso momento però, si presenta il cliente che non riesce a staccare gli occhi da lei. Lui è pura passione, ed è bastato un bacio per capirlo.
Ma alla fine il cuore verso chi andrà?

Mi è piaciuto tantissimo leggere questo libro. Mi sono ritrovata più volte con il fiato sospeso o un sorriso sulle labbra, essendo coinvolta su ogni punto. L’autrice è stata capace di trasmettere tutte le emozioni dei protagonisti, ha saputo intrigare il lettore come poche volte mi è capitato, facendomi sognare una storia d’amore come questa.
Due ragazzi davvero semplici, che cercheranno di cambiare e di superare le loro insicurezze, di migliorare i loro difetti per non far fuggire la persona che amano. Perché è questo che si fa quando trovi la persona giusta, cerchi di fare di tutto per paura di perderla, cerchi di oltrepassare i tuoi limiti e di combattere per proteggere quell’amore capace di far sentire a casa il tuo cuore. E lo sai quanto lo trovi, lo sai perché sei in sintonia con lui, perché apprezza ogni cosa di te, anche quelle che a te non piacciono. E perché non riusciresti ad immaginare la tua vita senza di lui.

È stata una lettura emozionante e i protagonisti sono riusciti ad avere un posto nel mio cuore. La scrittura è fluida e corretta, si legge in modo veloce e non vedi l’ora di finire la storia, anche se poi ti mancherà. Inoltre, ci lascia un epilogo da batticuori e cuoricini agli occhi e non desideravo niente di meno!
Il pov alternato ci fa conoscere i pensieri e i sentimenti di entrambi i protagonisti, un’ottima scelta secondo me.
Leggerò il seguito ad occhi chiusi, perché so benissimo che Manuel mi farà sciogliere il cuore e che, dietro quella corazza da “bad boy” si nasconda un ragazzo molto sensibile.

Ringrazio di cuore Irene per avermi omaggiata della copia del suo romanzo. È una donna gentile e di cuore, come poche ne ho incontrate. Sono onorata di aver fatto la sua conoscenza


Per oggi ho concluso, ma ci vediamo presto per una nuova recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Perché è di te che ho bisogno” di Lucia Tommasi

Titolo: PERCHÉ È DI TE CHE HO BISOGNO

Autore: LUCIA TOMMASI

Casa Editrice: SELF PUBLISHING

Genere: CONTEMPORARY ROMANCE

Narrazione: 1° PERSONA, POV ALTERNATO

Data di pubblicazione: 02 LUGLIO 2020

Trama

"Inizio a piangere, stavolta non è per il tradimento ma per le minacce di Andrew. - Sssshhhh… tranquilla è tutto ok, sono qui. -”Le sue parole, il suo profumo, il suo contatto mi fanno sentire protetta, mi fanno sentire a casa e allo stesso tempo fuori dal mondo. Intorno a noi ci sono centinaia di persone, ma fra le sue braccia è come se fossimo soltanto io e lui, in questo momento.Il calore del suo corpo, il rumore del suo cuore sono il miglior calmante.Io credo di amarlo ancora. Il mio cuore lo riconosce e piange insieme a me perché non posso più averlo.”

Kirby pensa di avere tutto sotto controllo, una vita e una famiglia perfetta a Seattle, ma è solo un illusione.Il matrimonio con Andrew sembra essere arrivato al capolinea, l’unico collante tra i due è Isabel, la loro figlia.Lascia Campbell River a 22 anni per realizzare i suoi sogni, lascia tutto e va a vivere a Seattle, ma il fato gioca a suo sfavore. La madre si ammala gravemente e lei torna a Campbell River, nella casa di famiglia insieme ai due fratelli e scopre che i problemi famigliari non sono affatto spariti ma peggiorati di gran lunga.Dovrà fare i conti con il marito, i due fratelli, la malattia della madre e il ritorno di Aaron, il fidanzato che lasciò prima di partire per Seattle.Tra i due non sembra essere passato nemmeno un giorno, ma Kirby ha un marito e una famiglia.I problemi dei fratelli e della famiglia la travolgeranno e Aaron le confonderà le idee, ma la sua presenza metterà tutto in discussione.È stata la scelta giusta partire otto anni prima per crearsi un futuro o è stato l’errore più grande della sua vita?Aaron riuscirà a riconquistare il suo cuore ormai stanco di amare qualcuno che non la contraccambia come Kirby vorrebbe?

“Con Kirby è come stare sulle sabbie mobili. Più ti muovi con lei e più sprofondi.”

Recensione

Cari readers, ben ritrovati.
Oggi parliamo della storia tormentata tra Kirby e Aaron.

Kirby è una ragazza che aspira a un futuro diverso dalle altre. Lei non vuole finire a fare la mamma e la casalinga, ma vuole fare carriera, vuole diventare un avvocato di successo. Così, a 22 anni, abbandona la sua vita, la sua famiglia e il ragazzo di cui è innamorata, Aaron, a Campbell River per approdare nella bella Seattle.
Otto anni dopo, lavora nello studio legale più conosciuto di Seattle, è sposata con il figlio del capo, Andrew, e insieme hanno una bellissima bambina di nome Isabel. Sembrerebbe tutto perfetto, ma qualcosa arriva per scombinare i piani di Kirby: sua madre viene ricoverata urgentemente in ospedale e la sua vita è a rischio. Per questo Kirby decide di tornare a casa per passare gli ultimi giorni al fianco della mamma.

"Aaron mi fa stare bene, riesce a calmarmi e a farmi dimenticare tutto il marcio che mi circonda."

Aaron ha 35 anni ormai, porta avanti l’attività di famiglia ed è sposato da due anni. Ma sua moglie è una bacchettona che pensa a lui solo come un mezzo per raggiungere il suo scopo, ovvero procreare. Non prova nemmeno soddisfazione nel fare l’amore con suo marito.
Non appena rivede Kirby, tutti i sentimenti ritornano come un tornado e la voglia di stare con lei lo consuma.

"Perché posso morire cento volte e tornare in vita, ma tornerei comunque ad amarti più di prima."

I due ragazzi riescono a resistere ben poco lontano l’uno dall’altro. Kirby scopre che il suo matrimonio è basato sulle bugie e sul tradimento, ma lasciare Andrew significa rischiare di perdere sua figlia, e questo non lo permetterebbe mai. Aaron resta incastrato in una situazione piuttosto scomoda, con una donna che in realtà non ha mai amato.
Riusciranno i nostri protagonisti a ritrovarsi una volta per tutte?

Il Mio Pensiero

Quanto riesce a restarti dentro un’amore che hai dovuto abbandonare con il corpo ma mai con il cuore?
Da qui nasce la storia di Kirby e Aaron. Due ragazzi innamorati follemente, di quell’amore che sfida il destino e il tempo, che però verrà messo a dura prova. Perché spesso si pensa che la carriera è l’unica cosa a cui aspirare, ma se non hai una spalla su cui poggiarti in alcuni momenti, niente ha valore.
Kirby, a 22 anni, fugge all’idea di passare tutta la vita a fare la moglie e la mamma, ma poco dopo si ritrova più o meno nella stessa situazione, anche se riesce comunque a portare avanti il suo lavoro. Fino a quando non è costretta a tornare a casa, per un evento che sconvolgerà la sua vita. Lì ritroverà la sua identità, la sua vita e l’amore vero.
Aaron resta in attesa per anni del suo amore, ma non può restare solo, ed è per questo che sposa Annie, per solitudine, per gratitudine. Ma rivedendo Kirby, capisce di aver sbagliato tutto. Perché ciò che prova per sua moglie non è minimamente paragonabile al sentimento verso Kirby.

Nel romanzo vengono trattati diversi argomenti, come la violenza, la malattia, l’abuso e l’amore. Vengono trattati in modo leggero, senza tuttavia appesantire la lettura. I protagonisti cercheranno di fare di tutto per proteggere il loro amore, ma rischiano di perdere troppo e, di conseguenza, sono costretti ad allontanarsi sempre.
La storia è molto intrigante, ho trovato qualche errore e mi è risultato un po’ ripetitivo in alcuni tratti. Ma tutto sommato è una lettura molto piacevole.

Ringrazio l’autrice per avermi fornito la copia del suo libro!
A presto con una nuova recensione!!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Libera di volare” di Carolina La Pietra

Titolo: LIBERA DI VOLARE: SARAI CIO’ CHE DESIDERI SOLO SE CI CREDERAI

Autore: CAROLINA LA PIETRA

Casa Editrice: SELF PUBLISHING

Data pubblicazione: 1 GENNAIO 2020

Genere: ROMANZO ROSA

Pagine: 299

Narrazione: 3° PERSONA, POV ALTERNATO

Trama

Sara vive i suoi anni adolescenziali nella paura e nell’insicurezza; emarginata e sola cerca un modo per poter fuggire dall’isola d’Elba: l’unica realtà che conosce. La risposta di un’agenzia d’animazione alla quale aveva inviato la sua candidatura cambierà la sua vita. Le darà la possibilità di ricominciare da zero; reinventando se stessa e nascondendo in un angolo del suo cuore il suo vero essere.
Nella sua nuova vita, apparentemente perfetta, Tony, un ragazzo napoletano le resterà accanto da buon amico. Ma un’amicizia basata sulle bugie quanto può durare? e per quanto tempo Sara riuscirà a nascondere chi è davvero?

Recensione

Eccoci qui readers,
quest’oggi affronteremo un viaggio dall’isola d’Elba alla Sardegna, per seguire le vicende di Sara.

Sara è una ragazza timida e paurosa. Ha sempre la testa basta e un cappello tutt’altro che femminile, per coprire la cicatrice che le ricorda ogni giorno quello che le è successo.
Adesso si trova in Sardegna, per fare l’animatrice. In realtà le serviva una scusa per fuggire da casa sua e da tutte quelle persone che hanno reso la sua adolescenza un inferno. Tutto è cominciato al primo anno di liceo. La differenza sociale tra lei e i suoi compagni di scuola l’ha portata subito in cattiva luce e da lì è cominciata la discesa verso l’oblio.

"Cinque anni di pratica l'avevano resa molto brava a nascondere il suo dolore ma il suo cuore era un soldato senza armatura, ogni nuova ferita lasciava scorrere sangue e dolore, che avrebbe dovuto medicare solo quando nessuno osservava."

È stata vittima di bullismo per tutti e cinque gli anni del liceo. Anni durante i quali le hanno fatto di tutto: dal dirle parole molto pesanti, a minacciare chiunque le si avvicinasse, persino fingere di esserle amica solo per metterla in imbarazzo, fino ad arrivare alla violenza fisica. Anni durante i quali lei è arrivata a volersi suicidare, perché sarebbe stato l’unico modo per farli smettere. Eppure nemmeno quello riesce a fare, non perché le è mancato il “coraggio” ma solo per la tempestività dei genitori, che non hanno mai saputo tutto quello che le accadeva perché lei a casa ha sempre indossato una maschera. Ma ogni volta che ometteva la verità, un pezzo di lei si sgretolava. Oramai non era restato più nulla della Sara sorridente e felice, se non un misero ricordo.

"«È un pugnale con una rosa! Mi ricordano che le cose belle sono quelle che fanno più male!»"

Ed eccola arrivata lì, tre anni dopo aver finito il liceo, a perdersi nelle sfumature del tramonto di Alghero. Sarebbe arrivata in ritardo ogni giorno di lavoro, se non fosse stato per Tony, un ragazzo napoletano bello da mozzare il fiato, che è sempre stato presente in tutti e tre gli anni da animatrice. Sono diventati così tanto amici che oramai fanno coppia fissa, dove si sposta uno si sposta anche l’altro. Ma non sanno nulla dei loro rispettivi passati. Sara si vergogna troppo di raccontare il suo e chiedere qualcosa a Tony significherebbe esporre anche lei.

Dal canto suo, Tony ha la sua buona dose di segreti. Dietro la facciata di ragazzo sempre allegro e sorridente, che cambia una ragazza al giorno, si nasconde un dolore e una storia impensabile. Tutto ciò che desidera è proteggere Sara, anche se è cosciente che tra di loro non si andrà mai oltre l’amicizia, perché lui non può permettersi niente di più.

"Ti chiedo però di vivere ogni secondo della tua vita come se fosse l'ultimo; fai tutto ciò che pensi possa farti sentire viva, divertiti, ama e ribellati alle ingiustizie."

Tutto procede tranquillo lì. Sara ha la protezione e la sicurezza di Tony, ha incontrato Manuel che le fa battere il cuore e le fa scoprire la passione e il lavoro con i bambini sta andando molto bene. Ma lei sa bene che la vita non è una fiaba e, ben presto, i problemi arriveranno anche a distanza di chilometri da casa. La paura che le scorre nelle vene è forte, il terrore che tutto si ripeta ancora una volta le attanaglia il cuore. Si ritroverà a poter contare solo su di lei.

"Anche il delfino più timoroso può imparare a sfiorare il cielo."

Sara dovrà affrontare il suo passato, nello stesso momento in cui la vita di Tony viene stravolta.
Riusciranno i due ragazzi a ritrovarsi e restare insieme?

Il Mio Pensiero

Questo libro tratta di un argomento molto delicato e, purtroppo, molto attuale: il bullismo. Sara durante la sua adolescenza ne è stata vittima in modo spudorato, è stata presa di mira così tante volte da indurla al suicidio. Ha subito tanto di quel dolore e lo ha portato sulle sue spalle sempre da sola. Non ha mai detto nulla ai genitori per non dargli preoccupazioni e, anche dopo l’atto estremo, non ne ha mai fatto parola. Piuttosto ha fatto credere che il problema fosse lei. In fondo è davvero facile dire che gli adolescenti non hanno problemi, dire che “sono gli anni migliori”, ma cosa ne sanno del dettaglio di ogni adolescente!? Di quello che passano e nascondono per evitare di essere giudicati ancora di più?!
Così Sara ha cominciato a camminare a testa basta, ad avere paura dei suoi coetanei, ad estraniarsi dal mondo. I suoi momenti tranquilli durante la giornata sono le ore che passa a guardare i tramonti e quelli insieme a Tony.
Tony che è sempre sorridente e splendido, che per lei farebbe qualsiasi cosa, che la sprona a superare i suoi limiti, che la protegge ogni volta. Lo stesso ragazzo che però porta un macigno sul cuore.
La crescita della protagonista è fondamentale e graduale. Imparerà a concedere un po’ di se stessa, a fidarsi di qualcuno. Imparerà ad azzardare ogni tanto, a lasciare da parte la paura. Ma nonostante questo si sentirà sempre come se lo facesse per gli altri e non per lei.

Ho amato molto la lettura di questo romanzo, perché la storia mi ha fatto capire ancora meglio alcune situazioni. Essere vittima di bullismo non è uno scherzo, e tirarsi indietro o restare ad assistere ad una cosa del genere è come se avessi partecipato anche tu. Possiamo prendere l’esempio di Sara e aiutare chi ne ha bisogno. L’autrice ci ha aperto un mondo, ci ha mostrato segni, debolezze e modi di fare da osservare, ma anche la forza da trarre e dare a chi non ne ha più. Dovremmo fare un po’ tutti come Tony, che aiuta Sara senza neanche sapere il motivo. Cosa c’è di più bello che aiutare qualcuno a superare le sue difficoltà?!
Scrivere un libro trattando temi del genere non deve esser facile. Carolina ci è riuscita molto bene, facendomi provare tutto quello che stava provando Sara. Mi sono ritrovata con il cuore a pezzi per lei, per tutto quello che ha sopportato e per quello che ha fatto, più di una volta, per far si che finisse tutto. Quante rinunce ha dovuto affrontare. Ma quando riesce a ritrovare se stessa, risorge come una fenice dalle ceneri. Vederla combattere e finalmente reagire è stata la cosa più bella.
La lettura è scorrevole, si rallenta solo in alcuni casi in quanto l’autrice ha voluto soffermarsi maggiormente sull’analisi dei sentimenti e dei pensieri dei protagonisti. Il pov è principalmente di Sara ma, dopo la metà, avremo anche qualche capitolo che riguarda Tony, in modo da capire anche la sua storia.
È una storia che consiglio, con l’augurio che questi episodi possano verificarsi sempre meno, e sopratutto per far capire agli adolescenti che ne sono vittima che spesso, parlarne con qualcuno, potrebbe aiutarli a non percorrere strade da cui poi è impossibili far ritorno.

Ringrazio infinitamente l’autrice per avermi omaggiata con la copia del libro!!
Noi ci vedremo presto con una nuova recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Una storia straordinaria” di Diego Galdino

Titolo: UNA STORIA STRAORDINARIA

Autore: DIEGO GALDINO

Casa Editrice: LEGGEREDITORE

Data di pubblicazione: 14 FEBBRAIO 2020

Genere: ROMANZO ROSA

Pagine: 208

Trama

Luca e Silvia sono due ragazzi come tanti che vivono vite normali, apparentemente distanti. Eppure ogni giorno si sfiorano, si ascoltano, si vedono. I sensi percepiscono la presenza dell’altro senza riconoscersi, fino a quando qualcosa interrompe il flusso costante della vita: Luca perde la vista e Silvia viene aggredita in un parcheggio. La loro vita, sconvolta, li porta a chiudersi in un’al¬tra realtà e il destino sembra dimenticarsi di loro. Tuttavia, due anni dopo, la loro grande passione, il cinema, li fa incontrare per la prima volta e Luca e Silvia finiscono seduti uno accanto all’altra alla prima di un film d’amore. I due protagonisti, feriti dalle vicissitudini degli eventi passati, si ritrovano, così, loro malgrado, a vivere una storia fuori dall’ordinario.
Ma l’amore può essere tanto potente da superare i confini dei nostri limiti e delle nostre paure? E il destino, quando trova due anime gemelle, riesce a farle rialzare e camminare insieme? Un’intensa e romantica storia d’amore attraverso i cinque sensi, il cinema e una Roma piena di fascino e magia che rendono questa storia straordinaria.

"Quando si spengono le luci in sala diventa buio per tutti."

Recensione

Cari readers,
oggi ci troviamo a Roma, città fascinosa e misteriosa, capace di rapirti e rivelarsi dinanzi ai tuoi occhi ponendosi così nuda da poter toccare ogni tessuto del cuore di chi la racconta. Cornice stupenda a questo racconto pieno di colpi di scena, racchiude l’essenza di un percorso sensoriale in cui l’autore ci conduce. Chi conosce Roma non può non parlarne, raccontarla e farla scorrere nelle proprie vene, come Luca, uno dei protagonisti, ragazzo talentuoso appassionato di cinema che racconta come Roma sia uno dei posti più belli e meravigliosi del mondo, uno dei quali è difficile togliere dalla pelle, non puoi dimenticare di esserti allenato a “Villa Borghese” ed aver respirato dai polmoni di Roma stessa. Luca lavora nella sede Italiana della Universal Pictures Internationale, dopo aver perso i genitori, dunque la parte più bella del proprio cuore, dovrà fare i conti con la sua ciecità improvvisa, dovrà vivere di soli ricordi ed emozioni della sua vita, della sua città, del suo lavoro, del suo mondo. Vivremo con lui le avversità di questa malattia, di questo buio che incombe ovunque, di questa benda permanente per gli occhi e l’anima che solo chi come lui, o Franco, il migliore amico di Luca, può capire. Un racconto che toccherà tutti i sensi, si perché quando perdi la vista, devi imparare a guardare toccando chiunque o qualsiasi cosa ti sia dinanzi.

"Ecco, tu per me sei come il furgoncino dei gelati, ti aspetto ogni giorno, facendo finta di dormire, convinta che prima o poi arriverai, perché so che se chiudessi gli occhi, rischierei di perderti..."

Poi c’è Silvia, speaker radiofonica che, dopo aver subito una brutale aggressione, si chiude nel suo mondo, nella sua anima, nelle sue paure fino a quando qualcosa, o meglio qualcuno, darà una scossa a quegli scudi e quel muro elevatosi attorno ad essa. Comincerà a collezionare “solo cose belle”.
A supportarla e “sopportarla” c’è sua sorella e la sua adorata nipotina, la quale da forse il colpo di grazia all’orgoglio della zia; per Silvia sua sorella è la sua àncora ed il suo ancora, insomma il suo tutto.

"La verità era tutta lì. In quell'abbraccio isolato, essere non vedente ti rende una persona sola, principalmente perché non puoi mai davvero renderti conto se c'è qualcuno con te. Sì, è vero, senti meglio e subito un profumo, un odore, un suono, un rumore, per altri impercettibile, ma a conti fatti, la dura verità è che se non senti nessun profumo o odore, se non senti nessun suono o rumore, hai sempre l'impressione che accanto a te non ci sia nessuno."

I due protagonisti non si accorgeranno di essersi incontrati altre volte ed in molte occasioni forse dorate per loro, ma che non hanno saputo cogliere. Finalmente una serata al cinema e il destino, permettono loro di rincontrarsi, di sfiorarsi e di parlarsi. Si perché quando non hai la vista devi poter toccare un’anima che non puoi guardare, al buio del cinema quando non hai più le certezze di una vita, quando hai paura anche del tuo battito, devi affidarti alle sensazioni .

Il Mio Pensiero

Può qualcuno credere così tanto nel destino? Saresti davvero capace di nuotare contro corrente? Ecco, in questo libro stupendo è quello che accade tra i due protagonisti. Luca, un appassionato di film e cinema, con le sue abitudini e la sua vita frenetica finirà per “non poter più vedere quanto è bella Roma”, si proprio Roma, la città in cui è ambientato questo racconto.
E poi c’è Silvia… Anch’essa travolta dalle sue emozioni “radiofoniche , speaker di volume nella sua radio, fantasiosa e collezionista di “cose belle” si quelle cose belle che a volte danno la forza di superare gli ostacoli e le avversità della vita.
I due protagonisti, completamente inconsci del fatto che le proprie anime si ammiravano ed inseguivano da molto, vivranno un bellissimo percorso sensoriale capace di catapultare i lettori in una realtà parallela al reale ma unica, magica e straordinaria come quella dell’amore.  Il profumo dei fiori, dell’anima e di qualcuno non si può spiegare .
I dettagli di Roma, i misteri ch’ella cela, i rumori ed i silenzi di questa città fascinosa, faranno da cornice e da collagene a tutto ciò che i nostri protagonisti vivranno. Di colpo questa linea sottile di follia tramonterà in un oblio, in un baratro dal quale è difficile uscirne o a volte non se ne esce proprio.
I temi affrontati: la cecità improvvisa di Luca il quale rimpiangerà di non poter più vedere le cose belle, quelle della sua città, del suo cinema e della sua famiglia; l’aggressione, quella che subisce Silvia, come ci si possa creare uno scudo inespugnabile, di come si possa aver paura anche della propria ombra e del proprio battito. Un’incontro combinato dalle loro anime seguite e legate dal destino cambierà tutto, darà loro una seconda possibilità nella vita.
Qualcosa però tornerà a rompere nuovamente gli equilibri, un ultimo round, dove il destino metterà all’angolo i nostri protagonisti.
Ne usciranno vittoriosi? Potranno nuovamente le loro anime fondere nello stagno della vita?
Questo libro non poteva avere un titolo più appropriato. È davvero una storia straordinaria. Mi ha fatto provare delle emozioni bellissime, mi ha fatto sorridere e mi ha coinvolto in tutto il percorso sensoriale. È un libro che consiglio a tutti, per immedesimarsi in situazioni particolarmente difficili e per riuscire a vedere, non con gli occhi, ma con il cuore.

Ringrazio infinitamente l’ufficio stampa dell’autore, che mi ha proposto di leggere il romanzo omaggiandomi della copia.
Noi ci vediamo presto per una nuova recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Almeno tu” di Alice Marcotti

Titolo: ALMENO TU

Autore: ALICE MARCOTTI

Casa Editrice: SELF PUBLISHING

Serie: ONLY YOU SERIES #1

Finale: AUTOCONCLUSIVO

Data di pubblicazione: 30 SETTEMBRE 2020

Trama

Ellie Prinsloo non potrebbe essere più soddisfatta di sè stessa: è finalmente riuscita ad entrare a Yale, ha lasciato alle spalle il suo vecchio liceo e la sua vecchia città. Ha lasciato a casa tutti i suoi problemi e i ricordi più dolorosi.
Al college incontra Aiden Wilson, un ragazzo bello, arrogante e allo stesso tempo maledettamente dolce. Tra i due nasce un’intesa quasi immediata, ma ad ogni passo che fanno l’uno verso l’altro, Aiden ne fa due indietro.
Dietro a tutti gli sguardi da duro, ai momenti di dolcezza, Aiden nasconde un passato misterioso. Un passato che non gli permette di andare avanti.

"Eravamo amici, eravamo amanti, eravamo una cosa sola."

Recensione

Hello readers!
Oggi ci ritroviamo con una nuova storia di Alice Marcotti. Si tratta del primo libro della serie “Only You” , che vede come protagonisti Ellie ed Aiden.

Ellie è appena arrivata a Yale, lasciandosi alle spalle una relazione che le ha spezzato il cuore e con la voglia di ricominciare a respirare. Appena arrivata si imbatte in Aiden, un ragazzo meravigliosamente bello ma con un carattere tutt’altro che affascinante. È scontroso e arrogante e le manda in fumo il cervello.
Nonostante non sia molto brava con le amicizie, per colpa dell’esperienze vissute, Ellie crea fin da subito un bellissimo rapporto con le sue compagne di stanza, Taylor e Violet. E caso vuole, che Taylor sia anche la cugina di Aiden.
All’inizio, Ellie e Aiden, non vanno molto d’accordo e spesso si stuzzicano a vicenda ma, dopo che lui salva la ragazza da una brutta situazione, lei sente smuoversi dentro di sé qualcosa nei suoi confronti . Non riesce a staccare gli occhi da quelli grigi di lui, che sembrano scrutarle l’animo ogni volta che si posano su di lei.

"Aiden ad un certo punto, appoggiò la sua mano sulla mia e non la tolse più.
Quella mano era come una coperta calda in pieno inverno. Era come un camino acceso: caldo e confortante."

I due ragazzi provano a diventare amici, perché nessuno dei due riesce a lasciare andare l’altro. È strano, si conoscono da poco e si sopportano da molto meno. Eppure un semplice bacio potrebbe mettere in subbuglio tutto. Perché ogni volta che sono insieme, Aiden sembra fare un passo in avanti e due indietro. Taylor e Tristan, il migliore amico di Aiden, cercheranno di farle capire che il problema non è lei, ma qualcosa che, in passato, Aiden ha dovuto affrontare. Qualcosa che oscura la sua anima e non gli permette di guardare avanti. Qualcosa che lo tormenta e non lo gli dà modo di amare. Una paura, una colpa, una responsabilità.

"«Quando ci sei tu, tutti i brutti pensieri spariscono in un lampo. Sei come l'arcobaleno dopo una tempesta Ellie. Sei incantevole da mozzare il fiato.»"

La verità non ci metterà molto a fare il suo ingresso, facendo scoprire ogni singola cosa. E mentre tutto sta per andare a rotoli, Ellie si ritroverà nuovamente in pericolo.
Quanto riuscirà a sopportare un cuore già ferito?

"Penso che sia il modo in cui ci fa sentire una persona, che conta davvero. È quello a determinare i nostri sentimenti."

Il Mio Pensiero

Quanto amore ci mette Alice nei suoi libri? Come fa, mi chiedo, a farmi emozionare ogni volta. Mi sono ritrovata ad innamorarmi di nuovo dei suoi protagonisti e delle loro storie.
Ellie è una ragazza in fuga dal dolore e dall’amore, una ragazza che fatica a fidarsi di chiunque per colpa del suo passato. Eppure davanti gli occhi grigi e magnetici di Aiden, sente cedere ogni barriera. Si sente ipnotizzata, attratta come mai le era capitato. Ma dovrà fare i conti con tutto quello che ha cercato di evitare e con dei sentimenti che mai si sarebbe aspettata di provare in maniera così veloce e profonda.
Aiden è un ragazzo che ha paura. Un ragazzo bloccato dal suo passato, che cerca in tutti modi di tenere lontana Ellie per il timore di deluderla e per il terrore che attanaglia il suo cuore, ma è impossibile. Perché lei è la sua boccata d’aria fresca. Lei è il motivo per cui il suo cuore ricomincia a battere. E quando una persona ti entra così tanto sottopelle, l’unica cosa che puoi fare è tenerla stretta al tuo fianco finché vorrà restare.
Proveranno ad essere amici, cercando di trattenere i loro sentimenti. Ma diventeranno incontenibili e li travolgeranno come un fiume in piena.
Poi vogliamo parlare degli amici? Ho amato Tristan dal primo incontro, ho pensato che si sarebbe rivelato un ottimo amico e non mi sono sbagliata. Anche Ian alla fine si è dimostrato molto diverso e ha guadagnato un sacco di punti ai miei occhi. Violet e Taylor sono due amiche meravigliose, che spronano la protagonista a superare i suoi limiti e le sue paure.
La storia è narrata solo da Ellie, quindi capiremo bene prima i suoi pensieri e i suoi sentimenti. Nonostante questo, si riesce perfettamente a inquadrare Aiden e a percepire i suoi conflitti.

Questo libro è dolce e delicato. La passione ti avvolge e ti fa solo desiderare di più. Un libro perfetto per rilassarsi ma anche per far riflettere su quanto possa infliggere il passato sulle nostre vite e sulle nostre scelte future. Quanto alcuni episodi della vita, riescano a segnarci così profondamente da farci chiudere in una bolla tutta nostra, difficile da scoppiare.
Alice riesce a farmi credere sempre di più nell’amore. Ma non perché inventa favole dove è tutto rose e fiori. Lei ci mette tutti i sentimenti, nel bene e nel male. Lei ti fa struggere con i protagonisti se le cose vanno male, e ti fa gioire con loro quando le cose vanno bene. Lei ti mostra tutto dell’amore. Perché può essere la cosa più bella del mondo, ma anche quella che ti uccide lentamente. È questo che amo nei suoi libri. Piangi, ridi, ti disperi e ami follemente con lei. Riesce a coinvolgermi così tanto che li finisco di leggere in un battibaleno e ne sento la mancanza alla fine. Anche se poi mi consolo con le playlist che aggiunge e che, a mio parere, sono perfette e accompagnano la storia in modo eccezionale.
Aspetto con tutto il cuore la sua prossima uscita, per deliziarmi di una nuova storia!

Infine, vorrei ringraziarla per avermi fornito la copia omaggio del suo libro e per avermi fatta sognare ancora un po’.
Noi ci vediamo presto con una nuova recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Disastrosa voglia di te” di Abbye J. Leen

Titolo: DISASTROSA VOGLIA DI TE

Autore: ABBYE J. LEEN

Casa Editrice: SELF PUBLISHING

Genere: NEW ADULT

Data di pubblicazione: 1 LUGLIO 2020

Narrazione: 1° PERSONA, POV ALTERNATO

Formato: EBOOK €2.99

Pagine: 360

Trama

May è una donna caparbia e risoluta. La sua più grande ambizione è quella di diventare un bravo chirurgo, la voglia di aiutare il prossimo e far di tutto per salvare delle vite è la sua missione, non ha il tempo per pensare all’amore.
Kayden è un pasticciere, silenzioso e passionale, con molte ombre nel suo passato.
Dal primo sguardo che si scambiano l’affinità sembra essere palese, ma Kayden è bloccato da ciò che gli è successo, anche se non riesce a resistere a quella che è l’attrazione più forte che abbia mai provato.

E allora perché non cedere alla tentazione? In fondo lui sa come conquistare una donna e May, anche se non ha mai vissuto una storia di solo sesso, si lascia trascinare in un vortice di  irrefrenabile sensualità.
Lui la ferisce volontariamente eppure non può fare a meno di lei che gli si sta donando senza remore.
Sembrerebbe una relazione che non porta a nulla, ma è innegabile il cambiamento che avviene in entrambi. May si lascia finalmente andare e Kayden ritrova l’entusiasmo per la vita che ha perso.
Il passato, però, non fa sconti.Riuscirà May a salvaguardare almeno un po’ il suo cuore?
Kayden troverà la forza di affrontare i suoi demoni prima che sia troppo tardi?

"Siamo aria e ossigeno.
Dolcezza e delicatezza.
Ruvidità e foga.
Siamo due anime create per fondersi tra loro."

Recensione

Rieccoci qui readers,
oggi andiamo a conoscere la storia di May e Kayden.

May è un chirurgo che sta seguendo la specializzazione. Da quando ha perso sua sorella in un incidente, si è ripromessa che avrebbe fatto di tutto per salvare altre vite. È tra le migliori studentesse, passa il suo tempo libero insieme alla sua migliore amica e collega Mary, e la sua vita scorre normalmente. Almeno finché i suoi occhi non si posano sul suo vicino, Kayden.
Kayden è un pasticcere, sexy, dagli occhi magnetici, labbra da baciare e un corpo meraviglioso. Un corpo che May riesce ad adocchiare subito e che non dimenticherà facilmente. Nemmeno Kayden riesce a fare a meno di pensare a lei, così le fa una proposta: avranno un rapporto di solo sesso. Nonostante May non sia la tipa da una cosa del genere e sa che finirà con il cuore spezzato, accetta la proposta. Perché stare lontano da Kayden, anche se si conoscono appena, diventa sempre più difficile.

"«Muoio dalla voglia di baciarti, May, dal primo istante in cui ti ho vista saltellare emettendo i tuoi dolci gridolini. Ma c'è una cosa che voglio sia chiara.» Deglutisco a fatica, mai nessuno è stato così diretto con me.
«Quale?» Il mio cuore è in tumulto, batte e si ferma circa un milione di volte nell'attesa che quella risposta arrivi.
«Non ti amerò mai, non perché tu non meriti di essere amata. Di certo non ti meriti di esserlo da me, ma ti voglio e voglio il tuo corpo, voglio le tue labbra, la tua lingua e le tue mani sul mio corpo. Ma non voglio il tuo amore, né voglio darti il mio.»"

Già dall’inizio, May capisce che i suoi sentimenti man mano crescono, mentre Kayden, dopo aver fatto sesso con lei, fa sempre un passo indietro e non riesce a guardarla nemmeno in faccia. Ma, quando una sera May si ritrova a bussare alla sua porta per cercare conforto, quello che scoprirà la sconvolgerà. Kayden le spiegherà il motivo dei suoi comportamenti, mostrando una parte del suo passato. Lui non può lasciarsi andare con lei, non può cominciare una storia e non può amarla.
Kayden è un cuore che soffre, una persona che sopravvive invece che vivere, un’anima spezzata in due.

"Fermo ad un semaforo il mio sguardo si posa su una coppia, credo stiano litigando. Sorrido osservando i loro visi tesi, il modo in cui gesticolano, in cui muovono le labbra. Mi manca anche questo, litigare e fare la pace. Mi manca esprimere i miei sentimenti, mi manca vivere.
Mi sembra di essere spettatore della mia stessa vita; scorre davanti ai miei occhi, inesorabile, senza alcuna pietà, e io sono fermo, immobile, nascosto in un angolo buio, incapace di illuminare la mia vita come lo ero un tempo."

Tuttavia, nessuno dei due riesce a far a meno della presenza dell’altro. Anche solo uno sguardo basta a far provare emozioni che non dovrebbero e ignorarsi non cambia nulla, anzi, aumenta la voglia che hanno l’uno dell’altro. Nemmeno il tempo o la vicinanza degli amici riesce a cancellare i loro ricordi.

"Vorrei parlare con te, venerarti, farti capire cosa sei... con le parole. Parlandoti tutta la notte. Vorrei mettermi a nudo per te, parlarti della disastrosa voglia che ho di te"

Ci sarebbe solo da rischiare. May deve rischiare le parti del suo cuore che ancora non si sono sgretolate per Kay, quel muscolo che non è mai solo tale.
E Kayden deve rischiare di donare tutto se stesso, di lasciare andare il passato, di ritornare a vivere e ritornare ad amare.
Ma quando il passato è ancora presente, come si affronta? Come si esce da una promessa che ti ha vincolato la vita? E May quanto ancora riuscirà a scusare i comportamenti di Kay? Quanto può essere paziente e forte l’amore?

"Diventiamo anime che si fondono, respiri affannosi, battiti accelerati. Ho bisogno di lei per ritrovare il mio giusto equilibrio nella mia anima."

Il Mio Pensiero

Oramai sono convinta che leggere i libri di Abbye J. Leen sia un modo per entrare nel vivo dell’amore e della sua importanza. Con le sue storie è capace di toccare nel profondo la mia anima e, infatti, anche questa volta mi sono ritrovata a versare fiumi di lacrime davanti le sue parole.
Partiamo dai protagonisti: May è una ragazza dolce e gentile, sempre disponibile e pronta ad aiutare il prossimo. Ha un cuore enorme, che però man mano si sgretolerà. Perché a volte l’amore fa anche questo, ti annienta prima e ti cura dopo.
Kayden è stato un personaggio descritto perfettamente in base alla situazione creata. Piano piano si scopre tutto di lui, fino ad arrivare al colpo di grazia. Magari all’inizio avrei voluto picchiarlo, più di una volta, per come tratta May e per come cerca di allontanarla, ma poi ho capito che non era altro che difesa. Lui doveva difendere qualcosa che ha significato tutto in passato, qualcosa che ha messo in pausa la sua vita. Si percepisce tutta la sofferenza, la rabbia e il tormento che prova. E per calmare il suo animo dannato ha bisogno di May, della sua luce e del suo amore. L’amore puro, di chi dona tutto il suo cuore a qualcun’altro, anche se non resterà poi nulla per lei.
Come sempre ci sono dei personaggi che fanno da sfondo ma che sono molto importanti, come Mary e Charlie, due veri amici che ho amato davvero tanto, che si sono dimostrati sempre pronti a sostenere i protagonisti.
Questo libro mi ha fatto capire quanto si può essere legati a qualcuno, quanto è difficile vivere quando ti viene strappata la persona che ami, quanto tempo ci vuole per riaprire gli occhi al mondo e alla vita. Quanto possano essere profonde le cicatrici che lascia l’amore, e di come, quest’ultimo, è capace di guarirle allo stesso modo. Molte volte dovremmo solo imparare a cogliere le cose belle della vita, a non sprecare tempo, perché ci può essere portato via come nulla fosse, lasciandoci solo con i rimpianti.
Mi complimento con l’autrice ulteriormente perché ha dato una descrizione dettagliata di entrambi i lavori, dei sacrifici che affrontano, delle difficoltà di May quando perde un paziente e quelle di Kayden quando deve concentrarsi per le sue ricette. Della sacrosanta verità sugli orari massacranti e infiniti che tutti e due hanno.
Per quanto riguarda lo stile della scrittura, è scorrevole, fluida e corretta. La storia rapisce così tanto che è difficile distogliere lo sguardo e l’attenzione.
Abbye è sicuramente un’autrice che merita molto, per il modo in cui riesce a trasmettere i sentimenti, per le sensazioni che provoca a chi legge e per le meravigliose storie che scrive. Continuerò sicuramente a leggere gli altri suoi libri.

Detto questo, ringrazio l’autrice per avermi fornito la copia omaggio del libro e ci vediamo alla prossima recensione!
*Teresina*

Read more

Recensione: “Rubin” di Teresa Greco

Titolo: RUBIN

Autore: TERESA GRECO

Casa Editrice: SELF PUBLISHING

Serie: THE GEMSTONE SERIES vol.1

Genere: ROMANTIC SUSPENSE

Data di pubblicazione: 22 MARZO 2020

Pagine: 380

Narrazione: 1° PERSONA, POV ALTERNATO

Finale: AUTOCONCLUSIVO

Trama

Rubin Miller è il secondo figlio dei ricchi coniugi Miller. Proprietario insieme a sua sorella della gioielleria di famiglia, il Quilates è un posto che, nelle loro mani, ha subito un’evoluzione insolita.
Il destino lo porta a incontrare una bella e schietta prostituta di nome Lily. Il suo viso angelico, tempestato di peculiari lentiggini, è un dettaglio che resta impresso. Rubin le propone un affare importante, l’occasione di riscatto e indipendenza che lei ha sempre sognato.
Rubin e Lily sono ghiaccio e fuoco, ma la le loro vite sono accomunate dall’amarezza di lacrime passate, e dalla paura di amare e sbagliare.
Qualcosa comincerà a cambiarli e avvicinarli, tuttavia, il peso delle scelte fatte incomberà sul loro cammino. Si ritroveranno coinvolti in una situazione piena di segreti, incomprensioni, baci proibiti e suspense.
Spesso il passato può condizionare il nostro futuro, ma fino a che punto? Quale sarà la strada che intraprenderà Lily?
Queste due anime tormentate sono davvero destinate a trovarsi e congiungersi?

Tossico è l’amore.
È veleno per lo spirito.
È una malattia del cuore.
È un’ombra che si cela tra le proprie debolezze e ti soffoca, senza ucciderti, perché il suo scopo ultimo è farti impazzire, agonizzare.

Recensione

Hello readers,
oggi ci districhiamo tra soldi e gioielli, con la storia di Rubin Miller e Lily Barrett.

Rubin Miller è un ricco ragazzo di ventotto anni, con un corpo da copertina e delle labbra da baciare ogni secondo. Gestisce la gioielleria di famiglia, il Quilates, affiancato dalla sorella Emerald. Ha perso i suoi genitori alla tenera età di dieci anni e, da allora, ha chiuso i suo sentimenti e non riesce a provare più nulla, ogni cosa gli diventa indifferente. Non ha amici, non ha una ragazza. Le uniche persone che gli sono vicino sono sua sorella e suo nonno.

"Quello è stato l'ultimo giorno in cui l'ho sentito battere e provare ancora qualcosa di umano, poi tutto è cambiato.
Ho smesso di soffrire, ho smesso di amare, ho smesso di emozionarmi.
Sono come un mare piatto, inconsueto, che ha perso la capacità di agitarsi, nonostante la tempesta."


Lily Barrett è una prostituta di ventiquattro anni, bella da togliere il fiato, con i suoi meravigliosi capelli biondi e lunghi e gli occhi verdi. Ha un passato tormentato, in quanto suo padre spesso la picchiava, per questo è scappata di casa a diciotto anni. Insieme alle sue due migliori amiche e colleghe, Abby e Isabela, formano “Le Barbie del Tottenham Hale” , tre bellezze completamente diverse e oltre ogni limite. Ma, come ben si può immaginare, i loro clienti sono uomini di poco conto, molto spesso grezzi, infatti tutte e tre sognano di cambiare vita. Solo che Lily non sogna il principe azzurro che diventa il suo vero amore, anzi, lei non amerà mai un uomo, perché l’unico che doveva amarla da quando è nata non l’ha mai fatto. Lei vuole solo una vita piena di soldi per sentirsi finalmente realizzata.

All’interno della gioielleria Miller si svolgono altre attività nascoste al pubblico. Attività illegali come vendita di escort, prostitute, donne di compagnia, killer, guardie del corpo e quant’altro. Ed è proprio per un cliente, Gerard Banks, in cerca una donna di compagnia, che Rubin si metterà sulle tracce di Lily.
Quando i due si incontrano, Rubin propone l’accordo: Lily verrà venduta all’asta e si aggiudicherà al migliore acquirente. In cambio avrà una vita da regina e ogni suo desiderio verrà esaudito. L’amore non è contemplato nel patto, ma a Lily non interessa, sta per ottenere tutto ciò che ha sempre voluto, da lì a quindici giorni.

"La verità è che siamo incompatibili, siamo ghiaccio e fuoco, sole e luna, luce e oscurità, e non c'è un solo posto nel mondo dove questi elementi possano conciliarsi."

In questo lasso di tempo, Lily dovrà migliorare la sua personalità diventando una vera Lady e, di questo, se ne occuperanno proprio i fratelli Miller. Emerald penserà al suo portamento, mentre Rubin la porterà a fare shopping per migliorare il suo guardaroba.
Nei momenti che si trovano da soli, tra Rubin e Lily, si crea un rapporto speciale: lei riesce a confidargli le sue paure e il suo passato, e lui ammette di non riuscire più a provare emozioni per nulla. O quasi.. Perché il suo bisogno di stare con Lily e di esaudire alcuni dei suoi desideri, lo portano ad aprire il suo cuore. Le sue emozioni lo travolgono all’improvviso e lui non riesce più a contenerle. Così, la sera dell’asta, cerca di parlare e di farle cambiare idea. Ma Lily è irremovibile, niente e nessuno le farà cambiare idea, soprattutto non un ragazzo appena conosciuto. Lui non le può dare nessuna sicurezza, mentre da un rapporto firmato attraverso un contratto, sa già cosa aspettarsi.

"Sono innamorato dei suoi occhi verdi, del suo sorriso contagioso, sono innamorato delle sue lentiggini, delle sue mani affusolate mentre mi stringono, del suo sguardo inquisitore quando cerca di conoscere i miei pensieri. Mi sono innamorato persino di quei pochi baci che ci siamo scambiati."

Lily viene venduta a Gerard e comincia così la sua vita da principessa. C’è però qualcosa negli occhi di Rubin che proprio non riesce a lasciare andare. Dopo essersi concessa a lui, lo congeda in maniera del tutto priva di dolcezza, spezzandogli il cuore per l’ennesima volta.
I due ragazzi cominciano a prendere strade diverse: Rubin, per dimenticarsi di lei, si invischia in una relazione tossica con una ragazza che vuole solamente soldi, mentre la vita di Lily non sta andando come sperava. Gerard la tratta peggio della prostituta che era, è possessivo, geloso, sessualmente violento e inoltre nasconde una natura che presto verrà fuori.

"Dicono che la perfezione non esista, ma io ho scoperto che esistono gli attimi perfetti, stralci di vita che si scolpiscono nella nostra memoria grazie all'amore di chi ci circonda e che si tramutano in ricordi immortali."

Lily e Rubin si rincontreranno in ambiti tutt’altro che belli e il loro amore esploderà come un fiume in piena. Ma cosa succederà se Gerard verrà a sapere del tradimento? Che prezzo pagheranno i due amanti? Quanto sono disposti a lottare per i propri sentimenti?

"Cosa c'è di più atroce del provare un forte amore per qualcuno, ma non avere la libertà di esprimerlo?"

Il Mio Pensiero

Dire che questo libro mi ha colpito è poco. Già dalle prime righe ho provato un amore incondizionato per Rubin. Sarà che forse ho provato parte del suo dolore, ma ho capito ogni sua emozione e ogni sua decisione. Ho ammirato come sia riuscito ad esternare i suoi sentimenti una volta capito cosa provava e rischiare la sua stessa vita, pur di proteggere quella della donna che ama.
Ho apprezzato molto anche Lily e il suo cambiamento. Una ragazza che crede di aver trovato la sua via di fuga e che, invece, ha appena venduto la sua libertà a tutti gli effetti.
Non possiamo giudicare una persona per la vita che fa o per le sue scelte. Ci sono cicatrici che ti segnano per la vita e ti fanno diventare ciò che non vuoi.
Alcune esperienze ti fanno chiudere il cuore e creare un muro verso tutti. E sono davvero poche le persone in grado di oltrepassarlo.
Entrambi i protagonisti hanno un passato difficile, solo che lo hanno affrontato in modo diverso: mentre Lily esterna le sue emozioni ma si vieta l’amore, Rubin non prova più nulla.
Solo quando si trovano davanti l’unica persona in grado di capirli, le loro difese cederanno. Il dolore può essere superato, se accanto hai una persona a cui poggiarti. Perché le loro anime si sono intrecciate prima dei loro corpi e, quando ciò succede, tutto intorno sparisce e non si pensa più nemmeno alle conseguenze.

Sono stata catturata dal romanzo pagina dopo pagina, bramando il finale. Lo stile dell’autrice è molto scorrevole. Sono presenti scene di sesso esplicite e di violenze, ma, a parer mio, sono state trattate molto bene. Il pov alternato dà modo di conoscere i pensieri di entrambi i protagonisti e questa, per me, è sempre un’ottima scelta. Teresa Greco ha saputo creare un mix di emozioni da lasciare il lettore sempre con la voglia di sapere. Non vedo l’ora di conoscere le storie degli altri due Miller e di vedere come si risolveranno alcuni intrighi lasciati sospesi.

Ringrazio l’autrice per avermi fornito la copia del suo libro e avermi permesso di entrare nel mondo di Rubin e Lily!

Noi ci vediamo presto per una nuova recensione!
*Teresina*

Read more

Review Party: “Sospiri a Rosefield House” di Joey Elis, edito Dri Editore

Titolo: SOSPIRI A ROSEFIELD HOUSE

Autore: JOEY ELIS

Casa Editrice: DRI EDITORE

Genere: VITTORIANO

Collana: HISTORICAL CLASSIC

Pagine: 420

Narrazione: 3° PERSONA

Data di uscita: 7 LUGLIO 2020

Formati disponibili: EBOOK €2.99\ CARTACEO €16.99 circa

Trama

Un futuro visconte in rovina. Una ragazza misteriosa. Un incontro scritto nel destino.

Londra, 1870.
Quando Sebastian Hawthorne si reca a Rosefield House per la prima volta, il suo obiettivo è apprendere ogni segreto dell’arte fotografica.
Eppure, lezione dopo lezione, appare evidente che ci sia molto di più da scoprire.
Evelyn Whitmore è un autentico mistero: assiste suo zio nello studio fotografico da tutta la vita e non ha mai permesso a nessun altro di avvicinarsi. Fino a Sebastian.
Ma per non perdere ogni cosa, il futuro visconte deve sposare una nobildonna estremamente ricca. E, nonostante la potente attrazione che li lega, Evelyn non potrà mai essere quella donna…

"Non è possibile toccare una rosa senza pungersi, tutto ciò che è bello causa anche dolore. Bisogna chiedersi se si è disposti a sopportarlo."

Recensione

Ben ritrovati readers,
il viaggio di quest’oggi ci porta indietro nel tempo, nella Londra del 1850.

Sebastian Hawthorne, futuro visconte, ha appena perso sua madre e le parole vuote delle persone intorno a lui non riesce più a sopportarle. Così si ritrova sul terrazzo, in compagnia di una splendida ragazza che lo aiuta a riprendere il controllo.

Evelyn Whitmore è cresciuta con lo zio Jonathan nel suo studio fotografico, non navigano nell’oro, non hanno nessun titolo e sono stati spesso costretti a cambiare città. Fino a quando, un giorno, dopo l’arrivo di una lettera, si trasferiscono a Rosefield House, a Londra. Immediatamente Evelyn percepisce che in quella casa è successo qualcosa di oscuro in precedenza. Il silenzio tombale, la sensazione di freddo e l’aspetto spettrale che ha la residenza, mettono subito in allerta la ragazza.
Ad accoglierli trovano la governante, Miss Reinhard, che si muove ancora più silenziosa della casa, come se oramai il silenzio facesse parte di lei.

"Aveva come la sensazione che avrebbe potuto chiederle qualsiasi cosa e lei avrebbe acconsentito, che avrebbe potuto raccontarle qualsiasi segreto e lei lo avrebbe custodito. Era una consapevolezza pericolosa. Perché quando qualcuno tocca le corde di un cuore in quella maniera, non c'è scampo. Non c'è segreto che possa restare tale."

Sebastian coltiva la passione della fotografia, così suo nonno, per deviarlo dal dolore della sua perdita e dalle preoccupazioni per gli affari che non vanno molto bene, gli offre l’opportunità di fare un tirocinio da un suo vecchio amico.
Quando si reca a Rosefield House per cominciare il tirocinio, Sebastian ritrova la ragazza del terrazzo che altri non è che Evelyn. Essa molto spesso aiuta suo zio nel laboratorio fotografico e tra i due nasce un’intesa fin dal primo momento, che man mano si tramuta in qualcosa di più: dei sentimenti che nessuno dei due può permettersi di provare. Perché Sebastian sta per perdere la sua casa e tutti i ricordi della madre, per questo sarà costretto a sposarsi con una nobildonna, capace di ricoprire i debiti che suo padre ha lasciato. Evelyn invece, non può lasciare che nessuno le si avvicini. Lei ha un segreto, una maledizione e non potrebbe sopportare tutto il dolore che Sebastian ha dentro di sé.
Niente tra di loro potrebbe andare bene.

"La lontananza da qualcuno può avere due effetti: ci si può scordare di quella persona o il desiderio che si prova per essa può aumentare fino a trasformarsi in un dolce veleno."

Ma quando un giorno ritrovano un vecchio diario appartenuto a Lady Rosefield, la donna che ha risieduto precedentemente a Rosefield House, inizia una caccia alla storia. Il diario racconta di una storia d’amore vissuta dalla Lady, ma manca di finale. E per scoprirlo, Evelyn e Sebastian cominceranno un viaggio che li porterà ad avvicinarsi sempre di più.

"Sebastian appoggiò la fronte alla sua. «Quando ci siamo conosciuti mi hai detto che non vi è dolore che un respiro profondo non possa calmare. Tu sei questo per me» sussurrò. «Potrei sopportare di perdere ogni cosa purché tu sia il mio respiro.»

Tra baci rubati e un destino già segnato, riusciranno i protagonisti a venirne a capo di tutto?

Il Mio Pensiero

Per la prima volta ho letto un romanzo storico di cui non me sono pentita. Anzi, sono colpita e la storia mi ha appassionata pagina dopo pagina.

Qui abbiamo due ragazzi che cominciano a provare dei sentimenti mai provati prima, in un momento apparentemente sbagliato.
Sebastian è un ragazzo che a vent’anni si ritrova con dei debiti che minacciano di fargli perdere la sua casa e tutti i ricordi che possiede di sua mamma. Per questo motivo, si assume delle responsabilità fuori dalla sua portata e comincia a cercare una donna ricca che può sposare. Un matrimonio combinato con qualcuno che non ama e mai amerà, perché il suo cuore appartiene già ad Evelyn.
Dal canto suo, Evelyn non si è mai avvicinata a nessun ragazzo. In realtà non si è mai avvicinata a nessuno che non sia suo zio. Però Sebastian, con i suoi modi di fare e la sua capacità di capirla e metterla a suo agio, si è fatto spazio nel suo cuore. Come una rosa, che cresce prima con le radici e poi con dei fiori meravigliosi. E proprio come le spine di una rosa, anche l’amore può ferire.

Questo è uno di quei romanzi che ti fa capire che quando l’amore arriva non puoi sottrarti. Anche se è tutto il contrario di quello che ti eri prefissato. Anche se non volevi assolutamente innamorarti in quel momento o di quella persona. L’amore arriva e ti travolge, incurante dei tuoi problemi o del tuo stato d’animo.

La scrittura è molto fluida e scorrevole. Il libro è ben scritto e molto dettagliato, le ambientazioni sono ben caratterizzate per il periodo in cui si svolge, così come i dialoghi. I personaggi principali vengono avvolti dalle vicende degli altri e, infatti, abbiamo più punti di vista. Ho apprezzato molto i paragoni della vita con le rose, potendone quasi sentirne il profumo, e anche il fatto di leggere “una storia nella storia”. Non mi sono nemmeno resa conto di essere arrivata alla fine del libro, per la curiosità di leggere come andavano a finire le vicende dei due ragazzi. Per non parlare di un finale che mi ha tenuto sulla corda per tutto il tempo!

Ringrazio infinitamente la Dri Editore per avermi dato l’opportunità di leggere in anteprima il libro e di avermi permesso di partecipare al Review Party.

Noi ci vediamo presto per una nuova recensione!
*Teresina*

Read more